Sei sicuro che la tua casa sia in regola?

Certificato di Agibilità – Perché è fondamentale per poter vendere il tuo immobile

Riccardo Grigoli

Riccardo Grigoli

Architetto

Scopri di più!
Riccardo Grigoli
Riccardo Grigoli

Architetto

Scopri di più!

Le informazioni che troverai in questo articolo ti permetteranno di capire cosa sia il Certificato di Agibilità e quale sia la sua importanza per il tuo immobile.

Il certificato di agibilità (chiamato in passato anche Certificato di Abitabilità) è un documento che riguarda ogni singolo edificio e pertanto ogni immobile deve possederlo.

Questo documento viene rilasciato una volta che i lavori di costruzione di un edificio sono stati completati.

Infatti su di esso, come in un riassunto finale, viene riportata la conferma che il tuo l’immobile è dotato delle condizioni minime di sicurezza, di igiene, di salubrità e di risparmio energetico.

Queste condizioni sono previste dalla legge e servono, come è facile da intuire, per permettere una vita sicura e di qualità all’interno degli immobili in cui viviamo.

Inoltre viene rilasciato al termine dei lavori per capire se chi ha costruito l’immobile lo ha realizzato seguendo il progetto approvato e tenendo conto delle indicazioni delle Autorità (Comune, Azienda Sanitaria Locale, Genio Civile ecc).

 

 

 

 

Perché il certificato di agibilità è così importante in una compravendita?

Il certificato assume particolare importanza in una compravendita immobiliare sia per il venditore sia per il compratore.

Se per il compratore è fondamentale come garanzia per dove andrà a vivere, per il venditore assume un importante elemento da cui dipende la sua vendita (e il suo guadagno ovviamente).

Durante le fasi di compravendita infatti è importante possederne una copia da esibire in quanto esso conferma che, in cambio dei soldi che il compratore si impegna a versarci, avrà in cambio da noi un immobile che rispetta le condizioni minime (e obbligatorie) per una vita soddisfacente al suo interno.

Sembrerà superfluo ma è un dettaglio a cui molte persone non badano (in passato e anche nel presente…).

La presenza di difformità più o meno evidenti ha reso impossibile per il Comune rilasciare questo certificato per alcuni edifici.

Per questo motivo sono considerati dalle Autorità non idonei all’uso e non sarebbe possibile il loro utilizzo: in caso di qualsiasi problema legato all’immobile (ad esempio infiltrazioni, danni alla struttura e alto) capisci bene che sarebbe difficile dimostrare la qualità dell’immobile prima del danno e richiedere eventuali risarcimenti.

L’immobile non è mai stato certificato come idoneo a svolgere il suo scopo.

 
 

Oltre all’aspetto normativo c’è poi l’aspetto sostanziale per chi compra.

Prova a metterti un attimo nei panni di chi sta acquistando casa per la propria famiglia.

Se dovessi scegliere tra due appartamenti, simili nelle caratteristiche e nella stessa zona, di cui uno con Certificato di Agibilità e uno senza quale sceglieresti?

Sceglieresti l’appartamento privo di ogni garanzia oppure un appartamento in cui il Comune ha certificato la qualità di vita al suo interno?

Credo che la risposta sia scontata!

Come mai non viene rilasciato il certificato di agibilità?

Se l’edificio non ha ottenuto il certificato molto probabilmente c’è qualche difformità o errore che ne impedisce il rilascio.

L’aspetto più strano di queste situazioni è che è difficile da credere che qualcuno costruisca un edificio, investendo tempo e denaro, per poi rinunciare a questo documento che certifica la qualità del proprio operato.

Ma quindi posso vendere senza certificato di agibilità!

A questo punto qualcuno ti dirà che puoi vendere benissimo senza agibilità, che non è un limite legale alla vendita.

È vero, è possibile vendere un immobile senza agibilità.

Anzi è sempre così per edifici completamente da ristrutturare o da trasformare, come ruderi storici, antichi fienili ecc.

Devi tenere conto però di due fattori che bloccherebbero la tua vendita.

Il primo.  Se si sta vendendo una costruzione su cui è obbligatorio intervenire pesantemente per poterla utilizzare bisogna proporre una cifra adeguata alla qualità attuale delle mura.

Se questo è il tuo caso sai bene che il guadagno sarà inferiore e che il compratore è ben cosciente di dover spendere poi una cifra considerevole per utilizzare quello che stai vendendo.

Avere il certificato ti permette di richiedere per intero la cifra che il mercato ti offre per un immobile dalle caratteristiche simili al tuo.

Il secondo e più importante. Oggi TUTTI i compratori hanno bisogno del certificato di agibilità. Oltre all’aspetto sostanziale di qualità di vita, l’80% delle persone che possono acquistare il tuo immobile dovrà chiedere un mutuo ad una Banca per poterti pagare.

Ok dirai….e qual è il problema?

Il problema è che, prima di prestare i propri soldi, la banca effettua tutti i controlli sull’immobile che l’acquirente desidera acquistare.

I suoi tecnici reperiscono tutti i documenti fondamentali per capire se prestare i soldi per acquistare il tuo immobile sia effettivamente un buon affare o se la Banca sta acquistando un edificio con qualche problema.

 

 

La barriera

In questo periodo storico le banche rifiutano di concedere il mutuo senza il certificato di agibilità.

Come è ragionevole pensare, non sono interessante a impegnare i loro soldi per edifici non commerciabili per l’uso per il quale sono stati realizzati. Fine della questione.

 

Quindi spesso succede che, dopo aver faticato per trovare il perfetto compratore, la banca neghi il mutuo, scoperchiando magari qualche problema ben più grave dell’edificio.

Il risultato è una perdita di tempo per tutti: venditore, agenzia, compratore, banca e notaio.

 

Per sistemare questi problemi e riuscire a vendere occorre poi molto tempo per trovare un nuovo compratore e ricominciare tutto l’iter di vendita.

Infatti chi stava per acquistare il tuo immobile di certo non aspetterà tutto questo tempo, l’offerta in questo periodo storico è ampia e il tuo immobile è diventato da essere desiderato a quello col problema da risolvere.

Tutto questo può essere risolto raccogliendo prima della vendita tutte le informazioni sul tuo immobile, avendo così il tempo per correggere eventuali problemi e vendere al primo colpo.

Per farti capire la sua importanza ti lascio un esempio concreto.

L'articolo e le informazioni in esso riportate, date le complessità tecniche e legali affrontate, possono non essere esaurienti e soprattutto non sostituiscono una consulenza professionale da parte di un professionista specializzato. Se desideri avere una risposta specifica sul tuo caso puoi richiedere una consulenza personale cliccando qua.

Sei sicuro che la tua casa sia in regola?